lunedì 26 settembre 2011

Ciao Sergio

Sergio Bonelli non appartiene al mondo di anime e manga, anzi, a tal riguardo non ha mai nascosto antipatiche polemiche verso il fumetto orientale. In questo era testardo e immaturo, però le sue qualità umane e professionali hanno segnato la mia vita.

Non dimenticherò mai le storie favolose che scrivesti durante il periodo d'oro di Zagor, e neanche quella dozzina di capolavori su Tex. Non ti ho mai conosciuto di persona, ma ho letto e sentito ovunque della grande disponibilità con cui rispondevi privatamente, uno a uno, a tutti i lettori che ti scrivevano, e l'umanità con cui interagivi col prossimo. In 18 anni di lettura di fumetti ho sempre divorato con piacere le tue rubriche di posta su Tex e Zagor dove parlavi dei tuoi trascorsi in Amazzonia o nelle fiere del fumetto nel mondo, apprezzando la tua ironia e sentendoti, a mio modo, vicino, una presenza amichevole e affettuosa che ritrovavo in ogni storia, ogni mese, per tutti questi anni.

Hai fatto la Storia del fumetto italiano, regalando non solo a me, ma a decine di migliaia di lettori l'opportunità di vivere avventure rocambolesche negli scenari più confinati dell'avventura. Sbagli ne hai fatti (una certa vena revisionista durante questi ultimi dieci anni, quando dopo le polemiche di alcuni moralisti ti convincesti a edulcorare linguaggio e scene di alcune storie da te pubblicate), ma le emozioni e i valori che ci hai trasmesso rimarranno per sempre.

Grazie di tutto questi sogni, grazie per quello che ci hai dato. Ora rileggere Libertà o morte, Oceano, Il buono e il cattivo e La marcia della disperazione avrà un sapore agrodolce.

Ciao, Sergio

Ahhhhhyaaaak!

1 commento:

Davide Di Giorgio ha detto...

Un grandissimo, ero e sono un fiero lettore delle sue testate. Un anno fa a Brindisi ho anche visitato la mostra a lui dedicata, un momento davvero emozionante. Speravo di incontrarlo prima o poi, ma la vita non ammette ritardi e stavolta mi resterà il rimpianto.
Grazie per questo ricordo.

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità e pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 7 marzo 2001 n. 62. Molte delle immagini presenti sono reperite da internet, ma tutti i relativi diritti rimangono dei rispettivi autori. Se l’uso di queste immagini avesse involontariamente violato le norme in materia di diritto d’autore, avvisateci e noi le disintegreremo all’istante.