martedì 25 ottobre 2011

Recensione: Paprika - Sognando un sogno

PAPRIKA: SOGNANDO UN SOGNO
Titolo originale: Paprika
Regia: Satoshi Kon
Soggetto: (basato sul romanzo originale di Yasutaka Tsutsui)
Sceneggiatura: Seishi Minakami, Satoshi Kon
Character Design: Masashi Ando
Musiche: Susumu Hirasawa
Studio: Mad House
Formato: film cinematografico (durata 87 min. circa)
Anno di trasmissione: 2006
Disponibilità: edizione italiana in dvd & blu-ray a cura di Sony


In un vicino futuro la scienza permette, coi suoi progressi, addirittura di "registrare" i sogni delle persone per poterli analizzare in ambito psichiatrico. Non entrate ancora ufficialmente in produzione, le apparecchiature predefinite a tal scopo diventano un'arma di terrore quando sono trafugate e usate, da un misterioso terrorista, per far "sognare a occhi aperti" gli individui portandoli così alla follia. La dottoressa Atsuko Chiba, sotto le vesti del suo avatar "onirico" Paprika, inizia a indagare...

Si sa, quello visionario è il campo tematico prediletto da Satoshi Kon. Per questo non stupisce riconoscere in Paprika, il suo tristemente ultimo lungometraggio da regista, l'apoteosi finale della sua poetica, una storia che parla di sogni ed è ambientata nel loro mondo. Opera ibasata, come Perfect Blue e Tokyo Godfathers, su un soggetto non originale (in questo caso l'omonimo thriller letterario di Yasutaka Tsutsui), ma realizzata con tutta la cura estetica e tecnica proprie del regista, che ancora una volta parla, con classe, della sua adorata realtà metafisica.

Tocca ammettere, purtroppo, che il soggetto, al di là del tema onirico, si riconduce a una qualsiasi delle incarnazioni di Ghost in the Shell (un terrorista/hacker tramite sogni/virus si introduce nella psiche di moltitudini di persone per farle impazzire, e per andare a stanarlo Motoko/Paprika entra lei stessa nel cyberspazio/sogno), generando un generale senso di déjà-vu che impedisce al film di ambire a un'eccessiva originalità, ma il senso di già visto è decisamente smussato dal delizioso tocco visionario del regista, che trova, per ovvie ragioni, l'occasione di esprimere senza freni esibitori la sua carica allucinata. Paprika è sintetizzabile, in effetti, come pura follia visiva, un trip cervellotico di immagini bizzarre e nonsense grafico come eserciti di giocattoli dalle movenze convulse, bambole inquietanti, elettrodomestici posseduti e amene musiche da circo; ma anche di visioni più sottili e inquietanti, date da timori ancestrali che possono essere moniti per il futuro o anche scorci di vita reale. Un frammentarsi di reale e intangibile che rende la storia, altresì semplicistica, caotica. Perché sì, Paprika si riduce essenzialmente alle indagini di due gruppi di personaggi (lei e il detective Toshimi Konakawa) per scoprire il misterioso boogeyman che sta facendo impazzire le persone, ma entrambi si muovono per la maggior parte nel confine tra realtà del sogno: difficile stabilire quando agiscono nella vita reale e quando no, e questa voluta scelta per spiazzare lo spettatore porta la visione a risultare fin da subito impegnativa e, per questo, stimolante.


Immersi così nelle atmosfere lisergiche del film si apprezza come di consueto la bravura di Kon nell'ammaliare l'occhio con visioni surreali, da incubo e da fiaba, ben sorrette dalle - come al solito - eccellenti animazioni Mad House che ben spiegano i ben tre anni di realizzazione del film, ma duole constare come alla fine, pur con un ottimo gradimento generale e la piacevole "fatica" di seguire la storia nelle sue false piste, quest'ultima si riveli, stringando, ancora più semplicistica di quello che già è, preferendo spingere, nel finale, sul pedale dello spettacolo grafico per sopperire a una conclusione che si poteva dare con mezz'ora di anticipo. "The Bigger the Better" è rispettato, ecco quindi che le atmosfere bizzarre e inquietanti fanno posto a cattivi macchietta e pure a distruzioni apocalittiche, caos e fusioni tra realtà e fantasia capaci di distruggere il mondo, un parossismo che fa cadere le braccia e sembra pure indegno del regista, fortunatamente non così orribile da ridimensionare tutto il film.

Convincono, infatti, quei scorci del "vero" Kon, intimista e umano, che qua e là si stagliano: nell'eroina bitchy alla ricerca di una dimensione esistenziale più serena; nel frustrato detective Konakawa che deve affrontare i fantasmi dolorosi del passato; nell'amore sincero che può sbocciare da una bella donna anche verso un gigantesco obeso. Tratti tipicamente "koniani" che danno sollievo e dignità a un prodotto forse un po' troppo eccessivo nella forma e troppo sopravvalutato dalla consueta grandinata di premi, ma, per resa e atmosfere, tutto sommato degno del nome del regista che si porta.

Voto: 7 su 10

9 commenti:

Anonimo ha detto...

sostanzialmente d'accordo, è un film di Satoshi Kon quindi comunque di livello ma è forse la sua opera "peggiore" (forse, perché "Tokyo Godfathers" mi piace ancora meno, un film di/su Natale che rovesciando gli stereotipi rischia di essere ancora più natalizio e smielato)
i difetti sono quelli detti, finale apocalittico (alla Otomo?) che male si attaglia a Kon (c'era già stato in "Paranoia Agent" ma funzionava meglio), tanta meraviglia visiva che sembra però fine a se stessa e i soliti temi di Kon (il sogno, la memoria, la mente) già perfettamente affrontati nei primi 2 film
infine potremmo far partire una lunga lista di somiglianze tra "Paranoia Agent" e "Paprika": la ragazza con la doppia personalità, il poliziotto esperto e un po' stanco, che nella fase embrionale fossero un solo copione? utilizzo di archetipi? semplice riciclo di idee?

Jacopo Mistè ha detto...

Paranoia Agent non l'ho visto quindi devolvo la questione al Corà. Concordo però che Paprika sia il "peggior" film di Kon, quello che meno ti lascia qualcosa dentro.
Trovo normale che un autore fossilizzato sui soliti temi (la dimensione onirica) continui a riproporli in tutte le sue opere, ma nel contesto di un thriller che fa troppo il verso a Ghost in the Shell non m'ha davvero acchiappato, peccato :(

Benvenuto, se puoi firma i tuoi commenti così ti riconosciamo ;)

Simone Corà ha detto...

Secondo me invece il "peggior" lavoro di Kon è Millennium Actress, l'unica sua opera a non trasmettermi molto, quasi fosse un po' fredda, come invece hanno fatto tutte le altre. Qui, concordo infatti con il suo essere un po' troppo simile a Ghost in the Shell, ma la magia onirica e il suo estro visiva ne fanno comunque un film tutto sommato buono.

E sulle somiglianze con Paranoia Agent, effettivamente è vero, non le avevo colto alla visione di PA anche perché Paptrika l'avevo visto molto tempo prima. Penso però che PA contenga talmente tanti spunti, vicende, colori, psicologie e simbolismi, molti dei quali tipici di Kon, che forse, come per il discorso onirico, avrebbe in qualche modo riutilizzato dopo. :)

marco guarino ha detto...

Io sinceramente non azzarderei un paragone con Ghost in the shell, ma ad Avalon sempre di Mamuro Oshi, (tematiche , soggetti, drammi, etc.) per quanto riguarda Paprika gli spunti c'erano ,ma Kon (come al solito) non ha mai calcato la mano tanto da rendere l'opera ed il finale scontato.

ron70 ha detto...

Forse è il film di kon che preferisco.I temi trattati sono già visti ma qui sono appfofonditi meglio che in altre circostanze.Le somiglianze con Ghost in the shell ci sono ma le motivazioni del terrorista/hacker sono molto diverse.Le macchiette mi sembrano in linea con la lucida follia che il film trasmette(visivamente e narrativamente)come le esplosioni finali.Segnalo l'omaggio ad Otomo nella sequenza finale,al suo manga Domu ,sogni di bambini.

Michele Ferrara ha detto...

E' un ottimo film per quanto mi riguarda anche se le somiglianze con Gits,come tu ben dici, sono palesi e credo sia questo l'unico limite del film.
Visivamente se la può giocare con il miglior ghibli e i disegni onestamente li vedo superiori e non di poco.Poi è pieno di citazioni cinematografiche,partendo da vacanze romane,007,shining ecc.

P.S. Inception è una copia di questo,non trovi?

Jacopo Mistè ha detto...

Sai che non ho ancora visto Inception? Sì, in molti hanno notato parecchie affinità, di sicuro arriverà il momento in cui lo guardo.

Michele Ferrara ha detto...

Ah,domanda posticipata allora :P

ron70 ha detto...

In un intervento di qualche anno fa affermai che fosse il miglior film di Kon ma nel rivede tutta la cinematografia direi che oggi preferisco Perfect blu e Tokyo godfather.La sua opera migliore in assoluto mi sembra Paranoia agent.

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità e pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 7 marzo 2001 n. 62. Molte delle immagini presenti sono reperite da internet, ma tutti i relativi diritti rimangono dei rispettivi autori. Se l’uso di queste immagini avesse involontariamente violato le norme in materia di diritto d’autore, avvisateci e noi le disintegreremo all’istante.