lunedì 20 dicembre 2010

Recensione: Kyashan - Il mito

KYASHAN: IL MITO
Titolo originale: Robot Hunter Casshern
Regia: Hiroyuki Fukushima
Soggetto: Tatsunoko Production
Sceneggiatura: Shou Aikawa, Hiroyuki Fukushima, Emu Arii, Hideki Kakinuma
Character Design: Yasuomi Umetsu
Mechanical Design: Kimitoshi Yamane
Musiche: Michiru Oshima
Studio: Tatsunoko Producion
Formato: serie OVA di 4 episodi (durata ep. 30 min. circa)
Anno di uscita: 1993


Una Terra del futuro è dominata dai neoroidi, minacciosi robot che si sono ribellati in massa al loro costruttore, il dott. Azuma, riducendo l'umanità in regime di schiavitù. Solo la leggenda del salvatore dà ai sopravissuti e alla resistenza la speranza di sopportare il duro regime di vita: il messia si rivelerà essere Casshern, figlio di Azuma, ragazzo mezzo androide che, in compagnia del fedele, letale cane-robot Friender, possiede una forza incredibile in grado di competere con quella del temibile Briking Boss, leader dell'esercito meccanico.

A dispetto della sua brevità e dello scomodo, impossibile paragone con la serie televisiva del '73, Kyashan: Il mito (in tutte le edizioni italiane bisogna tenersi come titolo la trascrizione sbagliata di Casshern) non è un lavoro propriamente scadente, pur facendo poco per emergere, trovando un minimo interesse giusto come classica opera celebrativa di brand di successo rivolta unicamente agli appassionati. Rappresenta, nel '93, il primo dei tre revival OVA che Tatsunoko dedicherà, negli anni seguenti, alle sue vecchie glorie supereroistiche degli anni '70: i risultati sono produzioni sorvolabili, il cui unico motivo di interesse consiste nel rappresentare il più noto elemento di popolarità dell'epoca del chara designer Yasuomi Umetsu, che nel tempo verrà ricordato principalmente per loro e per essere il futuro papà del controverso A-Kite.

La storia di Kyashan: Il mito non può che essere una futile rielaborazione di quella storica, un remake che ribadisce tutte le tematiche dell'originale: la critica all'inquinamento umano, la speranza nelle energie rinnovabili, il pericolo dell'eccessivo progresso tecnologico e le metafore politiche sul totalitarismo. Tutto rivive in 4 episodi di mezz'ora l'uno che trattano questi temi visivamente in modo ancora più esplicito, drammaticizzando il contesto (la Terra è ormai stata ormai interamente conquistata da Briking), aumentando i richiami al nazismo (si arriva addirittura ai campi di sterminio e all'idea di una Soluzione Finale), accompagnando il tutto con l'horror (le fattezze demoniache dei gerarchi neroidi, distantissime da quelle buffe di Kunio Okawara) e innaffiando con il nichilismo (adesso non c'è alcun fulmine che manda in corto circuito Briking Boss, il programma installato in lui da Azuma per preservare l'ambiente gli impone proprio di eliminare la razza umana che è il più grande pericolo per il pianeta). A condire il tutto, il chara design adulto e sexy di Umetsu, che ben presagisce i lavori che l'artista realizzerà poi in produzioni animate a luci rosse: abbandonate le reminiscenze americanoidi originali di Yoshitaka Amano a favore del classico stile orientale, scolpisce vistosi addominali a Casshern - rendendo aderentissimo il suo costume - e abbandona il look "acqua e sapone" dell'amica d'infanzia Luna trasformandola, coi suoi abiti scollatissimi, in una sorta di prostituta. Il vecchio cane Friender, infine, perde le sue capacità di trasformazione rivelando solo l'aspetto canino.


Il mood più maturo e il sufficiente accompagnamento musicale di Michiru Oshima (niente di che, ma è orchestrale) sono, alla fine, gli unici aspetti che rendono interessante l'opera, che per il resto non offre nulla di particolarmente interessante, con le sue animazioni tutt'altro che irresistibili - dalle movenze rigide e irreali - e la trama sviluppata in modo dimenticabile: Casshern è il salvatore dell'umanità, fortissimo e imbattibile, e in ogni episodio, dopo qualche stucchevole monologo interiore su quant'è sfortunato,  libera alcuni gruppi di umani crudelmente schiavizzati dalle macchine. Contorno di qualche flashback per ricordare la sua triste condizione e l'amore impossibile per Luna e, per concludere, scontro finale con un monocaratterizzato Briking Boss. Fine.

Se nel 1973 l'originale riscattava la ripetitività del canovaccio tokusatsu con la sua tragicità esasperata, in Kyashan: Il mito ne presenta giusto il corollario. Tanta azione e mini-avventure autoconclusive, ma nessuna caratterizzazione degna di nota, con comprimari puramente funzionali alla vicenda ed eroi-adoni immortalati in pose plastiche che non fanno altro che combattere o commiserarsi del destino del loro pianeta e delle loro esistenze con dialoghi di una superficialità clamorosa. Una storiella patinatissima - per quanto non manchi, all'evenienza, un po' di fanservice ecchi e qualche spruzzata di sangue - e mal diretta che consegna ai fan dell'indimenticabile ragazzo androide un protagonista dimenticabile, brutta copia del tormentato personaggio tanto amato. Kyashan: Il mito, per quanto guardabile, è una pigra, banale rilettura di una bella serie, fatta così tanto per fare.

Edizione italiana a cura di Yamato Video tra le prime a conoscere riversamento DVD in Italia. Peccato l'opera sia assente di sottotitoli, presentata in bassa qualità video e funestata da un doppiaggio che si rifà all'adattamento americano Harmony Gold pieno di frasi totalmente false e inventate (un 50% abbondante1). Lasciamo perdere.

Voto: 6 su 10


FONTI
1 Consulenza di Garion-Oh  (Cristian Giorgi, traduttore GP Publishing/J-Pop/Magic Press e articolista Dynit)

6 commenti:

maurizio ha detto...

provate a guardare il film dal vivo e troverete questo oav un capolavoro!

Jacopo Mistè ha detto...

Io invece preferisco addirittura il film a questo ed è tutto dire. Il live almeno ha l'estetica mozzafiato, Kyashan il mito neppure quella :(

Paolo Cattaneo ha detto...

Il live action è meraviglioso.
E' il film più "casshern" che si potesse fare.
Purtroppo la maggioranza dei "fan" identifica Casshern con "menare i robot", e non è assolutamente così.
Cmq questi oav fanno schifo (e pure holy blood era sulla buona strada ma per fortuna l'hanno interrotto)...

Gaetano Matruglio ha detto...

Il live action mi manca ancora, aspettavo un supporto dalla risoluzione più alta possibile per godermi quel bel design. Riguardo agli OAV non posso che dire che sono davvero pessimi in ogni aspetto. Il design e le animazioni sono scarne e svogliate, di certo non all'altezza della produzione di Umetsu, comune a tutto il trittico di remake, ma qui si tocca il fondo. Capisco le limitazioni di tempo dovute al numero limitato di OAV ma qui non si tenta neanche di imbastire una storia, con sequenze, se non interi episodi, senza molto senso. Ho trovato interessante l'idea iniziale di presentare Casshern come una leggenda, un qualcosa che veniva solo mormorato, come se fosse giusto una fuga mentale dei prigionieri per darsi uno spiraglio in quella vita di schiavitù. L'ho trovato un bell'incipit ma senza il minimo sfruttamento, finendo nel nulla. Gatchaman punta a comprimere (malamente) la prima serie in pochi episodi ma almeno si fregiava di qualche bella sequenza animata ed un mecha design di tutto rispetto: i redesign del Turtle King e della God Phoenix sono davvero ottimi solo per citarne alcuni. Casshern...boh? Da parte mia, almeno a livello grafico ho trovato Holy Blood il migliore del trittico, quasi un'anticipazione dello stile registico usato in Soul Taker: interessanti scelte cromatiche, dissolvenze fantasiose tra le scene, fotografia più funzionale alla storia, cura generale di gran lunga maggiore nelle animazioni. Un po' più basso il character design a mio parere, più che altro per le scelte fatte ma di gran lunga superiore all'incredibile mediocrità ed anonimità dei precedenti. La storia, di nuovo, ne esce con le ossa rotte: si perde il brio della serie tv per dare un'impronta più dark e violenta (per quanto i combattimenti originali fossero comunque violentissimi seppur privi di sangue) che non trova compimento poiché la serie è purtroppo monca.

Stefano Candias ha detto...

Solo a me il live action di Casshern ha fatto venire su una settimana di pranzi e cene? Probabilmente sono io che non ci capisco nulla di cinema autoriale, ma a mio parere quel film è una Corazzata Kotiomkin.

Luca Bonetti ha detto...

Concordo con te Stefano !

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità e pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 7 marzo 2001 n. 62. Molte delle immagini presenti sono reperite da internet, ma tutti i relativi diritti rimangono dei rispettivi autori. Se l’uso di queste immagini avesse involontariamente violato le norme in materia di diritto d’autore, avvisateci e noi le disintegreremo all’istante.