lunedì 10 novembre 2014

Recensione: Daltanious il robot del futuro

DALTANIOUS IL ROBOT DEL FUTURO
Titolo originale: Mirai Robo Daltanias
Regia: Tadao Nagahama, Katsutoshi Sasaki
Soggetto: Saburo Yatsude
Sceneggiatura: Yoshitake Suzuki, Hiroshi Kaneko, Akira Nakahara, Shoichi Taguchi, Masaki Tsuji, Chizuru Takahama, Kirio Hirayama
Character Design: Yuki Hijiri, Akihiro Kanayama
Mechanical Design: Submarine (Katsushi Murakami)
Musiche: Hiroshi Tsutsui
Studio: Sunrise
Formato: serie televisiva di 47 episodi (durata ep. 24 min. circa)
Anni di trasmissione: 1979 - 1980
Disponibilità: edizione italiana in DVD a cura di Yamato Video



In un futuristico anno 1995, la Terra è stata quasi interamente distrutta dalle forze di attacco di Kloppen, sanguinario comandante dell'Impero spaziale del pianeta Zaar. Il Giappone è in macerie, ma un gruppo di amici, tutti orfani, capeggiati da Kento Tate, cambierà le cose: per puro caso finisce con lo scoprire il laboratorio segreto del dottor Earl, geniale scienziato in fuga dal suo pianeta Helios (anch'esso annichilito dal nemico), che si è rifugiato sulla Terra cinquant'anni prima. Risvegliatolo dall'ibernazione, i giovani attivano anche tutte le avveniristiche attrezzature della sua base, che richiamano quindi il nemico. A questo punto, per difendersi, Kento e il suo amico Danji Hiiragi possono solo accettare di guidare il possente robot Daltanious. Scoprendo, poi, poco tempo dopo, che Kento è anche il principe sperduto di Helios, il ragazzo diverrà il leader della resistenza di tutte le forze dell'universo contro la tirannia dell'imperatore Dorumen.

Terminata nel successo la Trilogia robotico-romantica rappresentata dalle tre serie TV Super Electromagnetic Robot Combattler V (1976), Super Electromagnetic Machine Voltes V (1977) e General Daimos (1978), sul finire del decennio dei '70 lo staff Sunrise, guidato da Tadao Nagahama e da Toei Animation, è ancora nel pieno del suo entusiasmo, pronto a sfornare altri titoli basati sulle loro caratteristiche. Giunge così il momento di Daltanious il robot del futuro, titolo che nel 1979 segna, in vari modi, numerosi passi indietro rispetto ai riconoscibili stilemi inaugurati dai predecessori. L'opera, nonostante sia indubbiamente piacevole e abbia il primato di ideare per la prima volta un robot componibile i cui elementi contemplano anche una gigantesca testa di animale (notare quanti titoli futuri troveranno questa caratteristica nel loro mecha design, come Dancouga nel 1985 oppure le Brave Series nei '90), è abbastanza innocua e sa di già visto; non deve quindi stupire né il suo modesto successo come ascolti in madrepatria (5.9%, riscattato dalle buone vendite di giocattoli)1, né il suo segnare la fine ufficiale del sodalizio di Toei Animation con Sunrise. Ultima umiliazione in ordine di tempo per la serie, infine, l'essere stata riversata in DVD in modo ufficiale e per la prima volta, anziché in Giappone, addirittura in Italia2, nel 2004, Paese in cui ha sempre conosciuto al contrario una grandissima popolarità.

Fedelissimo, ancora una volta, a quei soggetti visti e rivisitati milioni di volte nel genere, con invasioni extraterrestri, ragazzi che pilotano l'immancabile super robottone pieno di armi ed eroe principale di nobilissimi natali alieni che deve restaurare il suo regno decaduto, Daltanious non fa altro che ripetere le solite cose con mestiere e discreti personaggi. La novità è rappresentata dall'uso nella trama della tematica dell'ingegneria genetica, da ricondurre al clone del padre del protagonista, il re di Helios: l'originale e l'impostore si sfideranno rivendicando ognuno per sé il trono e quindi l'alleanza con tutti i popoli della galassia, in un'audace rilettura robotica del Visconte di Bragelonne di Alexandre Dumas (e infatti, com'è noto, la serie tributa più di un omaggio al mondo avventuroso di Dumas, con il nome di Daltanias ispirato a D'Artagnan, il "colpo finale" che richiama la croce araldica e il nome di Kento Tate che in nipponico significa "Spada" e "Scudo"3).


Tornano, dai titoli di Saburo Yatsude precedenti, immancabili, la lunga sequenza di agganciamento del robot, la regola dell'attacco finale, il cast formato da eroe figo, compagno tenebroso, grassone, donna e bambini vari (anche se, come in General Daimos, sono solo i primi due a pilotare il mecha, gli altri sono semplici spettatori), il cattivo tragico ed eroico e il padre dell'eroe per lungo tempo tragicamente scomparso, perso dal protagonista in tenera età. Mancano quasi del tutto, invece, le atmosfere estremamente drammatiche, le storie d'amore (eliminato del tutto l'elemento romantico) e la ferrea continuity. Daltanious torna indietro, prediligendo per larghi tratti della sua durata atmosfere molto leggere: protagonista assoluto è l'allegro gruppo di amici di Kento, interamente composto da ragazzini spensierati che vivono tante avventure/vicende introspettive mediamente caratterizzate dal largo uso di gag e comicità (addirittura un intero episodio è dedicato alla loro mascotte, il maiale Tonsuke!). Con numerose puntate così solari e focalizzate su un membro del cast per volta, si può anche intuire il perché si sia voluto tornare agli schematismi tokusatsu, rinnegando l'intensa continuità fra gli episodi che rendevano così "fuori dal coro" Voltes V e Daimos. Non che questo impedisca alla storia, talvolta, sia di trovare episodi di una certa drammaticità (i tragici passati dei vari personaggi), sia di iniziare a ricamare una trama principale che diventa sempre più presente nelle parti finali, ma entrambe le cose rappresentano eccezioni.

Anche senza brillare intensamente, né per storia né per carisma scenico (il Daltanious è esteticamente molto, molto brutto e ridicolo, privo anche di armi spettacolari come possono essere quelle dei suoi "genitori"), la serie funziona. Se pure l'impatto con gli eroi non è inizialmente soddisfacente, a lungo andare ci si inizia ad abituare alle loro buffe caratterizzazioni e al mood rilassante e disimpegnato che assume la trama. Si apprezza, tra le altre cose, una gestione inedita e rinnovata dell'antagonista tragico, e anche, FINALMENTE, come Tadao Nagahama (regista generale dell'opera per metà serie4, prima di abbandonarla per andare a lavorare su Lady Oscar5, venendo sostituito a quel punto da Katsutoshi Sasaki) rinunci, una volta tanto, a saccheggiare dai titoli precedenti i soggetti degli episodi, assicurandosi stavolta di crearne di nuovi per scongiurare quella che sarebbe stata un'ennesima sensazione di déjà-vu - qualcosina di Voltes V sopravvive, ma è poca cosa. Sono più interessanti le letture sociali e politiche, anche se penalizzate dal contesto vivace che ne ridimensiona portata e ambizioni: emerge in più occasioni un rifiuto all'autoritarismo, al sistema di governo monarchico e ai valori di disuguaglianza tra classi sociali da essi sostenuto, anche se la cosa è perlopiù rappresentata dal rifiuto dell'eroe Kento, vissuto nella povertà e nella miseria, di abbandonare il suo stile di vita spensierato e divertito per adattarsi ai ritmi burocratici che gli converrebbero - l'unica riflessione credibile sull'argomento è data, invece, dal pensiero di un certo personaggio nell'ultimo episodio, in seguito al colpo di scena finale. Già più sensata è l'ironica satira sul come l'Impero spaziale del pianeta Zaar conoscerà il destino che gli spetta per effetto di un assassinio politico del tutto gratuito e dettato dalla paranoia che provocherà enormi conseguenze, metafora abbastanza arguta su come sono crollati, nella Storia, parecchi tiranni fin troppo sospettosi del prossimo ed esagerati nel loro pugno di ferro.

Tecnicamente l'opera si difende bene, riproponendo lo stile dei lavori precedenti con buone animazioni e i caratteristici, piacevoli disegni di Yuki Hijiri e Akihiro Kanayama. La opening Daltanias no Uta, cantata da Mitsuko Horie, è un nuovo capolavoro - epico ed esaltante - degno dei precedenti, peccato perciò come la colonna sonora in generale sia abbastanza insignificante. Stesso discorso per il mecha design, deludente in toto e svogliato, anch'esso ben inferiore a quanto si era visto in Voltes e Daimos. Daltanious, insomma, è questo: una serie televisiva apprezzabile e con i suoi buoni momenti, ma che dimostra come il collettivo Saburo Yatsude stia iniziando a tirare un po' troppo la corda col suo ripetere sempre le solite cose.


In Italia, Paese che, come detto, ha sempre amato Daltanious, la serie ha conosciuto un discreto (seppur non perfetto) adattamento: pur al costo dell'irrinunciabile cambio di nomi di alcuni (neanche tanti) personaggi e degli attacchi di Daltanious, e, ovviamente, di traduzioni non proprio esemplari, è tuttavia sufficientemente coerente nella resa generale dei dialoghi e anche ben interpretato. L'ideale consiste tuttavia nei DVD Yamato Video usciti in allegato con la Gazzetta dello Sport nel 2017, che contemplano sottotitoli fedeli.

Voto: 7 su 10


FONTI
1 Wikipedia giapponese di "Daltanious il robot del futuro". Confermato (non la cifra di share, ma l'insuccesso di ascolti in patria) dal saggio "Super Robot Files: 1979/1982" (Fabrizio Modina, J-Pop, 2016, pag. 19)
2 Booklet allegato al Blu-ray di "Mobile Suit Gundam: Il contrattacco di Char" ("Intervista a Yutaka Izubuchi", Dynit, 2012)
3 Jonathan Clements & Helen McCarthy, "The Anime Encyclopedia: Revised & Expanded Edition", Stone Bridge Press, 2012, pag. 134, e "Super Robot Files: 1979/1982" (pag. 18-19)
4 Wikipedia giapponese di "Daltanious il robot del futuro"
5 Booklet allegato al Memorial Box 1 dell'edizione in DVD Yamato Video di "Lady Oscar", pag. 2

8 commenti:

Marco Grande Arbitro Giorgio ha detto...

Daltanious è il mio primo amore meccanico :)
Stupendo!

Enrico Teodorani ha detto...

Quanti ricordi...

Acromio ha detto...

7 mi sembra un voto un tantino alto, considerato che, almeno nella parte iniziale, svariati episodi sono l'equivalente di una tortura medievale (quello in cui gli Zaar rapiscono il suino, just to say).

Anonimo ha detto...

@ Jacopo Mistè

Cmq Yamato Video (che ne ha rilevato i diritti da Dynit) sta distribuendo in edicola un'edizione DVD caratterizzata da sottotitoli con una nuova traduzione ;-)

Jacopo Mistè ha detto...

Ciao!
Posso chiederti la fonte o il post in cui si conferma la fedeltà di suddetti sottotitoli? Grazie :)

Anonimo ha detto...

http://store.gazzetta.it/cartoon/daltanious/dBWsEWcVjHIAAAFa9ZBHZmvG/ct

;)

Jacopo Mistè ha detto...

Perfetto, ho corretto!
Grazie della dritta!

Acromio ha detto...

È comunque bene dire che l'edizione uscita in edicola non è che la solita robaccia Yamato con video tempestato da innumerevoli difetti e sottotitoli timmati a muzzo... e a proposito di questi ultimi, pur essendo adattati meglio rispetto al doppiaggio maffula, in alcuni punti sono un po' "fantasiosi" (del tipo che "yamete" diventa "ehi, voi!"). Questo, per glissare sugli errori di traslitterazione di alcuni bemborg (il bemborg Woodball viene chiamato Woodboru) e colpi del Daltanious... ci sono perle come la Tran-Saber che diventa "Trans Saver", cioè "Risparmia-Trans"... indubbiamente dei sub con cui farsi quattro risate.

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità e pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 7 marzo 2001 n. 62. Molte delle immagini presenti sono reperite da internet, ma tutti i relativi diritti rimangono dei rispettivi autori. Se l’uso di queste immagini avesse involontariamente violato le norme in materia di diritto d’autore, avvisateci e noi le disintegreremo all’istante.